Foto-oggetti – Fotografie come oggetti (di ricerca) nell'archeologia, etnologia e storia dell'arte

Un progetto finanziato dal Bundesministerium für Bildung und Forschung nell'ambito dell’iniziativa 'Il linguaggio degli oggetti – Cultura materiale e sviluppo sociale'

L'archeologia, la storia dell'arte e l'etnologia sono state codificate come discipline accademiche intorno al 1900. Esse hanno in comune anche l'uso corrente delle fotografie, divenute una sorta di surrogati dei loro oggetti di ricerca. Basandosi sui più recenti studi sulla materialità delle fotografie e degli archivi fotografici, il progetto considera le fotografie documentarie quali oggetti tridimensionali attivi in contesti sociali e culturali. La formazione dei metodi di studio delle discipline umanistiche, lo sviluppo e la diffusione delle tecniche fotografiche e la creazione di archivi fotografici specializzati nei decenni intorno al 1900 sono fenomeni strettamente correlati che vengono studiati da un punto di vista comparatistico. L'attenzione è concentrata su tecniche e pratiche del lavoro di ricerca condotto per mezzo delle fotografie, ma anche sulle fotografie stesse. Esse sono doppiamente foto-oggetti: in quanto indices che rimandano agli oggetti rappresentati, ma anche quali oggetti autonomi e per così dire parlanti.

Nell'ambito di questo progetto collaborativo i partner lavorano rispettivamente sui seguenti fondi: la documentazione fotografica di campagne archeologiche in Grecia e Asia Minore (SMB – PK, Antikensammlung), fotografie d'architettura americane e europee del 1900 circa (SMB – PK, Sammlung Fotografie, Kunstbibliothek), l'archivio di fotografie etnografiche Hahne-Niehoff (Humboldt-Universität, Institut für Europäische Ethnologie) e la documentazione fotografica di oggetti delle arti applicate (Kunsthistorisches Institut in Florenz, Photothek).

Il progetto è finanziato dal Bundesministerium für Bildung und Forschung nell'ambito dell'iniziativa Il linguaggio degli oggetti – Cultura materiale e sviluppo sociale.

Partner

Dr. Costanza Caraffa (Koordinatorin)
Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, Photothek
E-Mail: caraffa@khi.fi.it
Telefono: +39 055 24911-64
Sito web

Dr. Martin Maischberger
Staatliche Museen zu Berlin – Preußischer Kulturbesitz, Antikensammlung
E-Mail: a.scholl@smb.spk-berlin.de
Telefono: +49 30 266 42 5101
Sito web

Dr. Ludger Derenthal
Staatliche Museen zu Berlin – Preußischer Kulturbesitz, Kunstbibliothek (Sammlung Fotografie)
E-Mail: l.derenthal@smb.spk-berlin.de
Telefono: +49 30 266 42 4180
Sito web

Prof. Dr. Wolfgang Kaschuba
Humboldt-Universität zu Berlin, Institut für Europäische Ethnologie
E-Mail: wolfgang.kaschuba@rz.hu-berlin.de
Telefono: +49 30 2093 70843
Sito web

Partner

in cooperazione con
con il sostegno di

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.