Coded Objects

Lise Meitner Group Anna-Maria Meister

Sezione della serie di stoviglie impilabili TC100 di Nick Roericht alla HfG di Ulm, 1959. Foto di Nick Roericht

In un momento in cui la progettazione e la distribuzione dell’informazione sono diventate un motore dominante della politica e dell’economia mondiali, le implicazioni formali e materiali dei “codici” rimangono spesso inosservate o incontrollate, così come i concomitanti cambiamenti di agency e i tentativi di programmare la società attraverso pratiche spaziali e formali. Per questo motivo, il gruppo di ricerca guarderà allo spazio del coding non come a una tecnologia astratta o a un’attività remota, ma alla programmazione degli oggetti attraverso il design. Cosa significherebbe considerare gli oggetti codificati non come un denominatore stabile, ma come un’indagine metodologica sulle operazioni di creazione della forma e sulla materia del design? Con la forma come punto di accesso epistemico, il gruppo di ricerca multidisciplinare indaga il ruolo delle forme materiali nei processi automatizzati. In breve, questo progetto si concentrerà sul pensiero proto-algoritmico come pratica materiale e spaziale. 

Prendere sotto esame gli oggetti codificati metterà in discussione qualsiasi dicotomia prestabilita tra design e burocrazia o ipotesi di tecnologia “neutrale”. Indagare la forma dei processi e degli oggetti che essi producono – localizzando i movimenti del design in sistemi immaginati come automatizzati – promette di svelare attriti e affinità, affinché le ricerche del gruppo possano avere un impatto sul presente. Quello che ci importa è, per così dire, la materia dei processi. Dare forma alle cose viene spesso mascherato dalla retorica della “neutralità” tecnologica, ma data la circolazione globale di immagini e oggetti e il design incorporato all’interno dello scambio di informazioni, le operazioni di creazione di forme e la questione del design richiedono un esame più attento. Questo progetto intende individuare i discorsi sulle responsabilità, le aspirazioni e le tecniche di formazione dei valori attraverso i mezzi estetici. Dopo tutto, ciò che viene codificato non sono solo oggetti o attività, ma soggetti. 

Osservando gli oggetti codificati che ci circondano come un insieme di negoziazioni umane, materiali ed estetiche, il gruppo vuole spostare l’attenzione sull’importanza delle intenzioni formali (e delle 
conseguenze) nei processi e nei programmi predefiniti. Allo stesso tempo, considererà la creazione della forma degli oggetti come una pratica locale e culturalmente molto specifica, sia che si tratti di una modellazione deliberata da parte di esperti, che di soluzioni intelligenti sviluppate dalle comunità. Partendo dal lavoro critico sulla “precisione”, l’“oggettività” o l’“efficienza tecnologica”, in particolare la loro messa in discussione attraverso metodi femministi e queer, il gruppo studierà le pratiche sviluppate dagli shape-givers insieme ai ‘burocrati’ per creare forme (sia storicamente che nella contemporaneità). Le tecniche di creazione non serviranno solo come strumento di conoscenza, ma anche come set di abilità e strumento nelle operazioni di oggetti (sempre comunque) codificati. 

Il gruppo comprende posizioni di dottorato e post-dottorato, progetti di ricerca collaborativi e individuali, nonché ospiti scientifici, puntando a un’ampia gamma di risultati scientifici e di outreach e 
basandosi su tre modalità di ricerca: un lavoro d’archivio rigoroso e approfondito per scoprire e valutare casi di studio; un intenso scambio interdisciplinare verso una terminologia e metodologie condivise; e, infine, una forte attenzione al fare come forma di conoscenza, vale a dire alle competenze tangibili, materiali e formali e all’esperienza sensoriale dei formgivers e delle loro pratiche. 

Se veda anche l'articolo di Anna-Maria Meister:
Coded Objects: The Forms of Proto-Algorithmic Thinking.

Books

Anna-Maria Meister, Teresa Fankhänel, Lisa Beißwanger, Chris Dähne, Christiane Fülscher, and Anna Luise Schubert (eds). Are You a Model? On an Architectural Medium of Spatial Exploration. Berlin: Jovis Verlag (2024).
https://jovis.de/en/book/9783986120726

Hansun Hsiung, Laetitia Lenel, and Anna-Maria Meister. "Entangled Temporalities". Special Issue of the Journal of the History of Knowledge (2023). 
https://journalhistoryknowledge.org/issue/view/839

Articles and Book Chapters

Hansun Hsiung, Laetitia Lenel, and Anna‐Maria Meister, 'Introduc­tion' in Journal for the History of Knowledge, 4 (2023), 9–32. DOI: 10.55283/jhk.17017
https://journalhistoryknowledge.org/article/view/17017

Meister, Anna-Maria. "Chernobyl’s Palimpsestic Shelters" in Journal for the History of Knowledge, 4 (2023), 165–192. DOI: 10.55283/jhk.12570
https://journalhistoryknowledge.org/article/view/12570

Anna-Maria Meister. "Coded Objects: The Forms of Proto-Algorithmic Thinking" in Historical Studies in the Natural Sciences 1 November 2023; 53 (5): 518–528.
https://online.ucpress.edu/hsns/article/53/5/518/198194/Coded-ObjectsThe-Forms-of-Proto-Algorithmic

Anna-Maria Meister and Mechthild Ebert. “The Powers of Metadata: Stories of Fragile Knowledge Constructions” in Architecture Archives of the Future. Proceedings of the Tenth Annual Conference of the Jaap Bakema Study Center, November 2023: 201–208.

Anna-Maria Meister. "Processing Models, Modelling Processes for the HfG Ulm ca. 1952," in Designing the Computational Image, Imagining Computational Design. Edited by Daniel Cardoso Llach, Theodora Vardouli. Oro Editions (2023): 80–83.

 

 

 

2024

Inaugural lecture, 10. July, Karlsruhe Institute of Technology
Anna-Maria Meister will speak about "Coded Objects" in her inaugural lecture as Professor of Architectural Theory and Co-Director of SAAI on 10.7.24. This is not about the question of analog or digital, but about the design of our environment as aggregation of many things, whose form and impact we must critically question. Because the design of things, which in turn form architectures, is always also about shaping values - through aesthetic and material means. This means understanding them as the result of social, ecological, economic and aesthetic negotiations. This necessarily calls into question any separation between design and bureaucracy, as well as the assumptions of a "neutral" technology or innovative processes. Rather, it is about the substance of the narratives that have shaped and continue to shape such "coded objects".

EAHN International Conference, 19. – 23. June, Athens
At this year's EAHN International Conference in Athens, both Anna-Maria Meister and our collaborator Sina Brückner-Amin of the Karlsruhe Institute of Technology / saai Archive are part of the roundtable "Data Narratives of Architectural Modernity", and our Postdoctoral Fellow Rebecca Carrai chairs the "Media and Object of the Home" session of the "Building Word Image" Interest Group.
http://eahn2024.arch.ntua.gr/

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.