Maurizio Ferraris: La fotografia nell'epoca della sua iper-riproducibilità tecnica

Wissenschaftliches Kolloquium / Colloquio scientifico

Una volta l'immagine, e già all'epoca della sua riproducibilità tecnica, cioè dopo la fotografia, era una cosa rara. Oggi è ubiqua, ogni nostro telefonino fa foto ed è un archivio di foto. E la cosa non finisce lì, perché basta digitare su "google images", e siamo sopraffatti dalla più grande collezione iconografica di tutti i tempi. Ma non è detto che questa sia la salvezza delle immagini, proprio l'abbondanza può indurre a sazietà, o a inflazione, e il cambiamento tecnologico può far scomparire interi giga di immagini. Come risultato, dell'epoca più fotografata della storia potrebbe restare molto poco, o addirittura niente, e nemmeno una fotografia per i nostri nipoti.

Maurizio Ferraris è professore ordinario di filosofia teoretica nella Università di Torino, dove dirige il Labont (Laboratorio di Ontologia). Editorialista di 'La Repubblica', è direttore della 'Rivista di Estetica' e condirettore di 'Critique'. Directeur d'études al Collège International de Philosophie, Fellow della Italian Academy for Advanced Studies in America e della Alexander von Humboldt-Stiftung, visiting professor alla Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e in altre università europee e americane, ha scritto una quarantina di libri tradotti in varie lingue, tra cui 'Storia dell'ermeneutica' (1988), 'Estetica razionale' (1997) e 'Dove sei? Ontologia del telefonino' (2005, Premio filosofico Castiglioncello). Con Laterza ha pubblicato 'La filosofia e lo spirito vivente' (1991), 'Il gusto del segreto' (con Jacques Derrida, 1997), 'L'ermeneutica' (1998), 'Guida a Nietzsche' (1999, con altri autori) e 'Introduzione a Derrida' (2003). Alla sua attività è stato conferito, nel 2008, il Premio Filosofico "Viaggio a Siracusa". I suoi ultimi libri sono 'Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce' (Laterza 2009) e 'Ricostruire la decostruzione' (Bompiani 2010).

Avviso

Questo evento viene documentato fotograficamente e/o attraverso riprese video. Qualora non dovesse essere d’accordo con l’utilizzo di immagini in cui potrebbe essere riconoscibile,  da parte del Kunsthistorisches Institut in Florenz a scopo di documentazione degli eventi e di pubbliche relazioni (p.e. social media) la preghiamo gentilmente di comunicarcelo.

Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut
Palazzo Grifoni - Seminarraum
Via dei Servi 51
50122 Firenze
Dr. Costanza Caraffa  
Telefon:+39 055 24911-64
E-Mail:caraffa@...

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.