Salvatore Settis: Caravaggio a San Luigi dei Francesi: percezione e ricezione

Conferenza serale

La Vocazione di Matteo a San Luigi dei Francesi è, da Bellori ad oggi, fra i dipinti più noti e più controversi di Caravaggio. Quali furono le strategie percettive sottese alla sua composizione? È possibile ricostruire, e su che base, in qual modo il quadro fu visto, nel contesto della cappella Contarelli, dagli osservatori contemporanei? Basta, in tal senso, un’analisi dei testi, o è possibile aggiungervi l’esame degli echi visuali nella pittura contemporanea? Perché Federico Zuccari, postosi davanti al quadro, disse (secondo Baglione) «Io non ci vedo altro, che il pensiero di Giorgione»?

Professore ordinario di Storia dell’arte e dell’archeologia classica e Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa. E’ stato Visiting Professor in varie università europee e americane.

E’ stato inoltre Direttore del Getty Research Institute for the History of Art and the Humanities di Los Angeles dal 1994 al 1999, membro del Comitato Internazionale per la Salvaguardia della Torre di Pisa e del Consiglio Scientifico dell’Enciclopedia Italiana. Di recente è stato nominato Presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali.

Tra le accademie di appartenenza si segnalano: Accademia dei Lincei, Berlin-Brandenburgische Akademie der Wissenschaften, Académie Royale de Belgique, Academia Europaea e American Academy of Arts and Sciences.

I suoi interessi di studio e di ricerca riguardano principalmente la storia dell’arte antica, la storia della tradizione classica e la storia dell’iconografia e dell’arte religiosa in Europa dal Medioevo al Seicento.

Tra le pubblicazioni più significative si ricordano: La «Tempesta» interpretata. Giorgione, i committenti, il soggetto, (1978); La Colonna Traiana (1988); Laocoonte. Fama e stile (1999); Futuro del ‘classico’ (2004); Battaglie senza eroi. I beni culturali tra istituzioni e profitto (2005).

Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut
Konferenzsaal
Via Giuseppe Giusti 38
50121 Florenz
Dr. Andrea Christine Bambi  
Telefon:+39 055 24911-90
E-Mail:bambi@...

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.