Abendvortrag

Claudia Conforti: Giovanni Michelucci: l'architettura e la città

Sede centrale Cassa Risparmio Firenze a via Bufalini

Le città sono organismi parlanti. E Giovanni Michelucci sa ascoltarne le parole e i silenzi. A Livorno, città di porto, moderna e geneticamente cosmopolita, costruisce uno slanciatissimo grattacielo; nella nativa Pistoia, città taciturna, permeata da mistiche meditazioni medievali, edifica, sullo stesso sito, due consecutive sedi bancarie, configurate dall'equilibrio silente dei cristalli stereometrici. Le voci di Firenze dispiegano una polifonia molteplice e stratificata, che intreccia armonie e dissonanze; dense pause e memorabili assolo. Nella città di adozione, l'ascolto di Michelucci si fa affilato e le sue opere pronunciano parole diverse, a seconda del sito, dell'uso, della luce e delle memorie. Dalla Stazione di Santa Maria Novella, che si inchina all'abside della antistante basilica domenicana, alla chiesa dell'autostrada, che si fa segnale territoriale e hortus conclusus, le architetture del Maestro di Fiesole restituiscono, con folgorante evidenza, la lunga storia delle forme e dei sensi, con cui la pietra ha edificato la città del giglio.

 

Claudia Conforti, emiliana di Fidenza, è cattedratica di Storia dell'Architettura nel Dipartimento di Ingegneria dell'Impresa dell'Università di Roma Tor Vergata. È Accademico di San Luca e dell'Accademia di Belle Arti di Perugia; è membro del comitato scientifico delle riviste: Casabella, Rassegna di Architettura e Urbanistica, ArtItalies (Paris), Abaton (Madrid), Città e Storia. I suoi studi sono rivolti all'architettura moderna, con scritti su Giorgio Vasari, gli Uffizi, i palazzi di Roma nel Rinascimento, Modena capitale estense, la città nel tardo Rinascimento, i soffitti a lacunari a Roma e a Firenze. Anche l'architettura contemporanea, rapportata alla costruzione, alla città e alla società, è oggetto di ricorrente riflessione critica: si vedano gli scritti sull'architettura italiana del secondo Dopoguerra, Carlo Aymonino, Giovanni Michelucci e la stazione di Firenze, Vittorio de Feo, Richard Meier, le Fosse ardeatine.

04. April 2019, 18:00 Uhr

Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut

Palazzo Grifoni Budini Gattai
Via dei Servi 51
50122 Firenze

Newsletter

Unser Newsletter informiert Sie kostenlos über Veranstaltungen, Ausschreibungen, Ausstellungen und Neuerscheinungen des Kunsthistorischen Instituts in Florenz.

Wenn Sie unseren Newsletter beziehen möchten, tragen Sie bitte Ihren Namen und Ihre E-Mail-Adresse ein:

*Pflichtfeld

Hinweise zum Versandverfahren

Der Versand der Newsletter erfolgt mittels MailChimp, bei dem Ihre E-Mail-Adresse und Ihr Name zum Versand der Newsletter gespeichert werden.

Nach Ausfüllen des Formulars erhalten Sie eine sog. Double-Opt-In-E-Mail, in der Sie um Bestätigung der Anmeldung gebeten werden. Sie können dem Empfang der Newsletter jederzeit widersprechen (sog. Opt-Out). Einen Abmeldelink finden Sie in jedem Newsletter oder der Double-Opt-In-E-Mail.

Ausführliche Informationen zum Versandverfahren sowie zu Ihren Widerrufsmöglichkeiten erhalten Sie in unserer Datenschutzhinweis.