Maria Andaloro: La Nuova Chiesa di Tokal¿ (metà X secolo). Ovvero la "Sistina" della Cappadocia

Abendvortrag / Conferenza serale

La conferenza intende concentrarsi sul complesso pittorico della chiesa rupestre Tokalı Kilise II a Göreme (Cappadocia), della metà del X secolo.

Attraverso una lettura condotta su due livelli, quello del programma iconografico, incentrato sull'esaltazione della chiesa d'Oriente e d'Occidente, e quello dell'analisi dei materiali, dove spicca l'uso estensivo del lapislazulo, apparirà in trasparenza la famiglia imperiale Foca come committente che, rimanendo nell'ombra, orchestra sapientemente la regia di una decorazione di straordinario spessore semantico, ricchezza e qualità. I committenti senza volto di Tokalı Kilise II saranno paragonati a quelli apertamente dichiarati della Grande Piccionaia di Cavusin, chiesa situata a pochi chilometri di distanza, dove sono rappresentati Niceforo II Foca e altri personaggi della famiglia imperiale.

Prof. Maria Andaloro - Docente di Storia dell'arte medievale presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell'Università della Tuscia. Dal 2003 al 2009 è stata preside della stessa Facoltà.

Dal 2004 al 2010 è stata coordinatore del corso di dottorato "Memoria e materia dell'opera d'arte attraverso i processi di produzione, storicizzazione, conservazione, musealizzazione", oltre a vari progetti nazionali e internazionali. Dal 1996 è direttore di una missione di studio e ricerche in Turchia con un progetto dal titolo 'Dipinti e mosaici dell'Asia Minore: immagini, materiali, tecniche d'esecuzione', che dal 2006 ha luogo nel territorio della Cappadocia. Ha ideato e coordinato la mostra 'Nobiles Officinae. Perle filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo' (Palermo 2003-2004; Vienna 2004). Dal 2010 è Sovraintendente della Fabbriceria del Palazzo Reale di Palermo, di recente istituzione.

È stata coordinatore della collaborazione fra Ateneo della Tuscia e il Governo della Repubblica Popolare Cinese nell'ambito del progetto 'Sino-Italian Training of Conservation and Restoration of Cultural Heritage', con sede a Pechino presso il National Institute of Cultural Property (Cooperazione Italiana del Ministero degli Affari Esteri e Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente). Con Serena Romano (Università di Losanna) è direttore dell'opera 'La pittura medievale a Roma. Corpus e Atlante (312-1431)', in dieci volumi, sei dedicati al Corpus (Maria Andaloro e Serena Romano), tre dedicati all'Atlante (Maria Andaloro) e l’ultimo di indici. Nel novembre 2006 sono stati pubblicati i primi tre volumi, primo e quarto del Corpus e primo dell’Atlante. Sono in preparazione il secondo volume del Corpus e il secondo dell’Atlante.

I suoi interessi per l'arte medievale e bizantina si muovono principalmente intorno ai seguenti temi: rapporti tra Roma e Bisanzio prima e dopo la crisi iconoclasta; il trapianto di strutture figurative comnene nella Sicilia normanna; la circolazione figurativa fra aree orientali e occidentali del Mediterraneo al tempo delle crociate con particolare riguardo alla Siria; il traguardo di Assisi e Roma; Bisanzio e il Novecento. Fra le linee problematiche ricorrenti spiccano quelle legate al mondo dell'iconicità e alle modalità esecutive dell'opera d'arte in quanto veicolo dell'immagine, della materia e delle più varie ragioni artistiche.

Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut
Palazzo Grifoni - Seminarraum
Via dei Servi 51
50122 Firenze
Prof. Dr. Gerhard Wolf  
Telefon:+39 055 24911-49
E-Mail:dirwolf@...

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.