Installation

Fotografia e catastrofe: un'installazione nella Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz. Incontro con Antonio Di Cecco

© Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut / Antonio Di Cecco

In occasione della mostra online Fotografia e Catastrofe. Antonio Di Cecco in dialogo con le collezioni della Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz (inaugurata il 20.11.2018), il Dipartimento Wolf e la Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz invitano a visitare l'installazione fotografica concepita dai curatori insieme al fotografo Antonio Di Cecco che verrà realizzata negli spazi della Fototeca in Palazzo Grifoni.

Il fotografo è stato invitato a porre in dialogo la propria indagine visiva dedicata alla rappresentazione dei paesaggi post-sisma con le fotografie storiche della Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz. Attraverso il mezzo fotografico, Antonio Di Cecco ricerca i segni della catastrofe nella natura, nelle trasformazioni della materia, nelle mutazioni delle città, indagando con particolare attenzione i processi di mutazione dei 'vecchi' luoghi e la quotidianità nei 'nuovi' luoghi nati dopo la catastrofe. Partendo dal materiale fotografico d'archivio relativo a monumenti, opere d'arte, paesaggi e centri abitati la cui storia è stata segnata da catastrofi naturali, Di Cecco ha estrapolato dai suoi 'appunti visivi' di ricerca una o più immagini che dialogano con gli oggetti fotografici del Kunsthistorisches Institut in Florenz secondo richiami visivi, codici di rappresentazione, atmosfere, stratificazioni.

Nella giornata del 12 dicembre i locali della Fototeca ospiteranno una selezione dei materiali della mostra online Fotografia e catastrofe, insieme ad altri accostamenti inediti tra oggetti d'archivio e fotografie contemporanee. Le sezioni tematiche offriranno l'occasione per discutere insieme al fotografo di temi quali la rappresentazione e la sedimentazione degli effetti delle catastrofi naturali, le trasformazioni delle forme del paesaggio naturale, le profonde modifiche ai luoghi e ai modi dell'abitare, e non da ultimo i danni al patrimonio culturale.

Al temine dell'installazione, le fotografie di Antonio Di Cecco saranno acquisite dalle collezioni della Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz dove andranno a stabilire un dialogo permanente, e tuttavia sempre mutevole, con i fondi e le strutture dell'archivio fotografico.

L'evento rientra tra le attività del progetto di ricerca Storia dell'arte e catastrofi: l'Italia sismica (sta-sis), ideato e diretto da Carmen Belmonte, Elisabetta Scirocco e Gerhard Wolf. 

 

Antonio Di Cecco è nato nel 1978 all'Aquila, dove attualmente vive e lavora. Laureato in Ingegneria Edile-Architettura con tesi in Composizione Architettonica, si occupa di fotografia di architettura e di paesaggio urbano. Le sue ricerche si concentrano sull'analisi dei processi di modificazione dei luoghi e sul rapporto tra uomo e territorio, con un interesse specifico per l'ambito montano. Dal 2015 ha svolto attività di ricerca presso il Kunsthistorisches Institut in Florenz, portando avanti la propria indagine sulla rappresentazione dei paesaggi post-disastro nell'ambito dei gruppi di ricerca interdisciplinari promossi dal progetto Storia dell'arte e catastrofi (L'Aquila as a Post-Catastrophic City, 2015, e Topologie del terremoto: Emilia, 2016). Nella stessa cornice istituzionale è attualmente impegnato, insieme a Giovanna Ceniccola (Arch., Ph.D.), nel progetto Paesaggio culturale dell'Appennino sismico, un lavoro sperimentale volto a indagare sul campo le forme dell'abitare nelle aree appenniniche dell'Italia Centrale in riferimento ai principali eventi sismici dell'ultimo cinquantennio.

Notice

This event will be documented photographically and/or recorded on video. Please let us know if you do not agree with the Kunsthistorisches Institut in Florenz using images in which you might be recognizable for event documentation and public relation purposes (e.g. social media).

12 December 2018, 4:00pm

Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut

Palazzo Grifoni Budini Gattai
Via dei Servi 51
50122 Firenze

Newsletter

Our Newsletter provides you with free information on events, tenders, exhibitions and recent publications from the Kunsthistorisches Institut in Florenz.

If you would like to receive our newsletter, please enter your name and e-mail address:

*required field

Notes on the content of the newsletter and transit procedures

This letter is sent via MailChimp, where your e-mail address and name will be saved for sending the newsletter.

Once you have completed the form, you will receive a "Double-Opt-In-E-Mail," in which you are asked to confirm your registration. You can cancel your subscription to the Newsletter at any time ("Opt-out"). You will find an unsubscribe link in every Newsletter and in the Double-Opt-in-E-Mail.

You will receive detailed information about transit procedures and your withdrawal options in our privacy policy.