Convegno

Raffaello: mito e percezione

Omar Galliani (Montecchio Emilia, RE, 1954), ... A CONTATTO (1977), dalla Madonna della seggiola di Raffaello, carboncino su carta antica, mm 350x500. Proprietà dell'artista

A 500 anni dalla morte del grande pittore urbinate (1483-1520), il convegno Raffaello: mito e percezione si inserisce tra le manifestazioni che festeggiano i 50 anni dalla creazione del DAMS all’Università di Bologna.

Frutto del partenariato scientifico del Dipartimento delle Arti dell’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna con il Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, il convegno si propone di indagare la percezione di Raffaello e l’evoluzione del suo mito in rapporto ai processi storici e artistici, ma anche sociali, museologici, di conservazione e restauro che hanno portato nei secoli a una costante risemantizzazione culturale della sua opera.

Verrà dato spazio all’immediato ascendente di Raffaello sui suoi allievi, al fascino esercitato dalle sue opere ancora alla fine dell’Ottocento, alla scarsa fortuna critica dei primi decenni del XX secolo, al ruolo di diffusione formale delle stampe di traduzione e all’uso della fotografia e dei cataloghi illustrati. Come ad altri protagonisti del Rinascimento, a Raffaello è stato attribuito un ruolo importante nell’ambito della costruzione dell’identità nazionale post-unitaria, mentre la ricezione storica ne ha sottolineato l’apporto ai valori universali della pittura e più in generale dell’arte.

Internazionale e interdisciplinare, il convegno percorrerà anche voies de traverse e dal Raffaello “sociale e socievole”, come lo presenta Baldassarre Castiglione, si giungerà a un Raffaello “social”. Nel dialogo complesso tra l’artista e il suo pubblico, ma anche tra passato e futuro di opere e sistemi di visione, queste giornate di studio saranno l’occasione per mettere a confronto, al di là di consolidati stereotipi, i modelli e gli attori di una percezione che, pur mutando costantemente di prospettiva, riconferma la centralità di Raffaello come modernissimo “operatore culturale” oltre che come eccelso pittore.

Avviso

Questo evento viene documentato fotograficamente e/o attraverso riprese video. Qualora non dovesse essere d’accordo con l’utilizzo di immagini in cui potrebbe essere riconoscibile,  da parte del Kunsthistorisches Institut in Florenz a scopo di documentazione degli eventi e di pubbliche relazioni (p.e. social media) la preghiamo gentilmente di comunicarcelo.

Partner

in cooperazione con

09 – 11 giugno 2021

Il convegno si svolgerà online.

In diretta streaming:
https://www.facebook.com/KHIFlorenz
oppure
https://www.facebook.com/damslab.lasoffitta

Newsletter

La nostra newsletter vi informa gratuitamente su eventi, annunci, mostre e nuove pubblicazioni del Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Potrete riceverla gratuitamente, inserendo i vostri dati nei campi:

*Campo obbligatorio

Trattamento dei dati personali

La newsletter viene inviata tramite MailChimp, che memorizza il vostro indirizzo e-mail e il vostro nome per l'invio della newsletter.

Dopo aver compilato il modulo riceverete una cosiddetta e-mail "double opt-in" in cui verrà chiesto di confermare la registrazione. È possibile annullare l’abbonamento alla newsletter in qualsiasi momento (cosiddetto opt-out). In ogni newsletter o nell’e-mail double opt-in troverete un link per la cancellazione.

Informazioni dettagliate sulla procedura di invio e sulle possibilità di revoca sono contenute nella nostra privacy policy.