Conference

Raffaello: mito e percezione

Le registrazioni del convegno sono disponibili sul canale YouTube del Dipartimento delle Arti, Università di Bologna
Lectio magistralis di Marzia Faietti
Convegno

Omar Galliani (Montecchio Emilia, RE, 1954), ... A CONTATTO (1977), dalla Madonna della seggiola di Raffaello, carboncino su carta antica, mm 350x500. Proprietà dell'artista

A 500 anni dalla morte del grande pittore urbinate (1483-1520), il convegno Raffaello: mito e percezione si inserisce tra le manifestazioni che festeggiano i 50 anni dalla creazione del DAMS all’Università di Bologna.

Frutto del partenariato scientifico del Dipartimento delle Arti dell’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna con il Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, il convegno si propone di indagare la percezione di Raffaello e l’evoluzione del suo mito in rapporto ai processi storici e artistici, ma anche sociali, museologici, di conservazione e restauro che hanno portato nei secoli a una costante risemantizzazione culturale della sua opera.

Verrà dato spazio all’immediato ascendente di Raffaello sui suoi allievi, al fascino esercitato dalle sue opere ancora alla fine dell’Ottocento, alla scarsa fortuna critica dei primi decenni del XX secolo, al ruolo di diffusione formale delle stampe di traduzione e all’uso della fotografia e dei cataloghi illustrati. Come ad altri protagonisti del Rinascimento, a Raffaello è stato attribuito un ruolo importante nell’ambito della costruzione dell’identità nazionale post-unitaria, mentre la ricezione storica ne ha sottolineato l’apporto ai valori universali della pittura e più in generale dell’arte.

Internazionale e interdisciplinare, il convegno percorrerà anche voies de traverse e dal Raffaello “sociale e socievole”, come lo presenta Baldassarre Castiglione, si giungerà a un Raffaello “social”. Nel dialogo complesso tra l’artista e il suo pubblico, ma anche tra passato e futuro di opere e sistemi di visione, queste giornate di studio saranno l’occasione per mettere a confronto, al di là di consolidati stereotipi, i modelli e gli attori di una percezione che, pur mutando costantemente di prospettiva, riconferma la centralità di Raffaello come modernissimo “operatore culturale” oltre che come eccelso pittore.

Notice

This event will be documented photographically and/or recorded on video. Please let us know if you do not agree with the Kunsthistorisches Institut in Florenz using images in which you might be recognizable for event documentation and public relation purposes (e.g. social media).

Partners

in cooperation with

09 – 11 June 2021

The conference will take place online.

Livestream:
https://www.facebook.com/KHIFlorenz
or
https://www.facebook.com/damslab.lasoffitta

Newsletter

Our Newsletter provides you with free information on events, tenders, exhibitions and recent publications from the Kunsthistorisches Institut in Florenz.

If you would like to receive our newsletter, please enter your name and e-mail address:

*required field

Notes on the content of the newsletter and transit procedures

This letter is sent via MailChimp, where your e-mail address and name will be saved for sending the newsletter.

Once you have completed the form, you will receive a "Double-Opt-In-E-Mail," in which you are asked to confirm your registration. You can cancel your subscription to the Newsletter at any time ("Opt-out"). You will find an unsubscribe link in every Newsletter and in the Double-Opt-in-E-Mail.

You will receive detailed information about transit procedures and your withdrawal options in our privacy policy.