Führung

Storia dell'arte, fotografie, archivi: la Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz

nell'ambito della "Settimana tedesca", un'iniziativa dell'Ambasciata di Germania Roma in collaborazione con le istituzioni tedesche in Italia

Fin dalla fondazione dell'Istituto nel 1897 la Fototeca ha rappresentato un luogo d'incontro per la ricerca internazionale. Questo archivio di fotografie documentarie, dedicato principalmente all'arte e all'architettura italiana, comprende oggi oltre 620.000 fotografie, che vengono quotidianamente inventariate, montate su cartoncino, inserite in sezioni e scatole corrispondenti al sistema tassonomico della Fototeca e oggi naturalmente anche catalogate in un database. In tali modi esse vengono rese fruibili da parte degli studiosi. Generazioni e generazioni di storici dell'arte si sono incontrati in Fototeca, ma anche metaforicamente sui cartoncini, sui quali hanno annotato le loro opinioni talvolta divergenti sulle opere rappresentate. Le fotografie non sono quindi soltanto documenti visivi delle opere d'arte, bensì anche fonti per la storia della storia dell'arte. Se consideriamo le fotografie quali oggetti materiali dotati di una dimensione spaziale e temporale, attivi in contesti sociali e culturali, possiamo ricostruire non solo il momento in cui esse vennero scattate per un determinato committente e a un determinato scopo, bensì anche la loro traiettoria all'interno dell'archivio fotografico. Potremo così comprendere le pratiche della ricerca accademica nel corso del tempo. Ma anche seguire il dialogo che alcuni rinomati artisti hanno stabilito negli ultimi anni con le fotografie storiche e le strutture dell'archivio. La visita si svolgerà lungo questo percorso ispirato agli attuali progetti della Fototeca sul ruolo degli archivi fotografici nella ricerca e nella società del XXI secolo.

   

Visita guidata su prenotazione (max. 20 persone)
08 ottobre, ore 11.00

Per informazioni e prenotazioni
info@khi.fi.it 

   

Non Farmi Muro

Trent'anni fa cadde il Muro di Berlino, facendo nascere una Germania nuova, diversa, moderna. Nella settimana dal 6 al 13 ottobre la Germania si racconta all'Italia in oltre venti città italiane, con oltre 100 eventi - concerti, mostre, spettacoli e incontri, momenti educativi e dedicati alla socialità e all'intrattenimento.

Si apriranno al pubblico gli istituti di cultura e ricerca tedeschi, ma ci saranno anche tante realtà italiane nel campo delle relazioni culturali tra i nostri due Paesi. Conoscendo culture di popoli diversi si superano le barriere tra le persone: abbattiamo i muri costruiti da una certa narrazione politica, economica, sportiva.

Gli eventi organizzati durante e intorno alla Settimana tedesca trasmettono i valori rappresentati dalla caduta del Muro di Berlino: la democrazia e la libertà, la fratellanza e la visione di un futuro comune tra diverse nazioni, tutti valori che oggi sono perfettamente radicati nell'europeismo.

Hinweis

Diese Veranstaltung wird durch Fotografien und/oder Videoaufnahmen dokumentiert. Falls es nicht Ihre Zustimmung findet, dass das Kunsthistorische Institut in Florenz Aufnahmen, auf denen Sie erkennbar abgebildet sein könnten, für die Veranstaltungsdokumentation und Öffentlichkeitsarbeit (z.B. Social Media) verwendet, bitten wir um eine entsprechende Rückmeldung.

08. Oktober 2019, 11:00 Uhr

Kunsthistorisches Institut in Florenz
Max-Planck-Institut

Palazzo Grifoni Budini Gattai
Via dei Servi 51
50122 Firenze

Newsletter

Unser Newsletter informiert Sie kostenlos über Veranstaltungen, Ausschreibungen, Ausstellungen und Neuerscheinungen des Kunsthistorischen Instituts in Florenz.

Wenn Sie unseren Newsletter beziehen möchten, tragen Sie bitte Ihren Namen und Ihre E-Mail-Adresse ein:

*Pflichtfeld

Hinweise zum Versandverfahren

Der Versand der Newsletter erfolgt mittels MailChimp, bei dem Ihre E-Mail-Adresse und Ihr Name zum Versand der Newsletter gespeichert werden.

Nach Ausfüllen des Formulars erhalten Sie eine sog. Double-Opt-In-E-Mail, in der Sie um Bestätigung der Anmeldung gebeten werden. Sie können dem Empfang der Newsletter jederzeit widersprechen (sog. Opt-Out). Einen Abmeldelink finden Sie in jedem Newsletter oder der Double-Opt-In-E-Mail.

Ausführliche Informationen zum Versandverfahren sowie zu Ihren Widerrufsmöglichkeiten erhalten Sie in unserer Datenschutzhinweis.